OLGIATE MOLGORA

Villa Sommi Picenardi

Via Buttero, 8, 23887 Olgiate Molgora LC, Italia

Villa Sommi Picenardi e i suoi giardini, tra i cento più belli d’Italia.

Citata come nucleo rurale negli statuti milanesi (1346), presidio con torre d’avvistamento nella battaglia del Monte di Brianza tra Francesco Sforza e Veneziani (1447-1451), nel 1574 la tenuta, abitata da massari, era proprietà dei nobili Benedetto Vimercati e Battista Perego. Nel 1678 ai Vimercati subentrò la famiglia Sala, che ristrutturò gli edifici in elegante dimora suburbana. Nel 1702, a sud della dimora, il nobile Giovanni Battista Sala fece costruire l’oratorio dedicato ai SS. Ambrogio e Galdino. Intorno al 1730, sul fronte posteriore della villa, fu risistemato il giardino all’Italiana, caratterizzato da siepi di bosso potate ad arte, fontane e statue in pietra, che fanno da cornice alla superba scalinata con parapetti incrostati di mosaici lapidei. Risale invece al 1880 la messa a dimora delle diverse essenze del parco all’inglese che si deve a Gerolamo Sala, consorte di Donna Mina Sala Trotti. La villa passò nel 1920 al marchese Paolo Sommi Picenardi nipote di Mina e Gerolamo. La recente scoperta di un affresco raffigurante la "Gloria del Padre Eterno", attribuito dalla storica dell'arte Alessandra Di Gennaro al pittore Stefano Maria Legnani detto il Legnanino, ha contribuito a gettar luce sulle vicende della Villa e della piccola cappella gentilizia dove si conserva l'opera. La medaglia dipinta si pone come importante tassello della produzione del Legnanino in Brianza.

Approfondimenti qui: Villa Sommi Picenardi

Gallery

Info e Contatti

Contatti:

Accesso Disabili:
In parte (escluse carrozzine)

Servizi:
Parcheggio